Concorso di progettazione per il rinnovamento e la valorizzazione di Palazzo Affari ai Giureconsulti

 
 
NEWS IN EVIDENZA
29.10.2019

Pubblicazione risposte alle richieste di chiarimento pervenute
Pubblicazione risposte alle richieste di chiarimento pervenute


28.10.2019

Materiale integrativo: dwg aggiornato del primo piano
Materiale integrativo: dwg aggiornato del primo piano


28.10.2019

ERRATA CORRIGE DPP
ERRATA CORRIGE DPP - Salone delle Mostre


15.10.2019

Materiale fotografico terminali impianti riscaldamento- raffrescamento
Materiale fotografico terminali impianti riscaldamento- raffrescamento


15.10.2019

Materiale integrativo Sezioni in formato dwg
Materiale integrativo Sezioni in formato dwg


15.10.2019

Materiale integrativo As Built
Materiale integrativo As Built


03.10.2019

Materiale fotografico integrativo
Materiale fotografico integrativo


01.10.2019

Materiale integrativo "Sezioni" in formato dwg
Materiale integrativo "Sezioni" in formato dwg


26.09.2019

Materiale integrativo sezioni Palazzo Affari ai Giureconsulti
Materiale integrativo: sezioni Palazzo Affari ai Giureconsulti


25.09.2019

Materiale integrativo in formato dwg
Materiale integrativo in formato dwg


PER REGISTRARTI CLICCA QUI

OGGETTO DEL CONCORSO E PROCEDURA

La Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, per conto della partecipata Parcam Srl, conduttrice dell'immobile, bandisce un concorso internazionale di progettazione per il rinnovamento e la valorizzazione di palazzo Affari ai Giureconsulti situato in Milano, con procedura aperta, finalizzato a individuare la migliore proposta progettuale tra quelle presentate entro il termine.

Il concorso, aperto agli Architetti e agli Ingegneri, è articolato in un unico grado in forma anonima.

Per garantire anonimato e condizioni uniformi di partecipazione le procedure del concorso e il rapporto fra Ente banditore e concorrente avverranno esclusivamente per via telematica attraverso il sito
concorsogiureconsulti.concorrimi.it.

Al sito sopra citato il concorrente avrà accesso mediante registrazione e potrà scaricare il materiale necessario alla partecipazione, formulare quesiti, consultare l'apposita pagina "news" e consegnare mediante caricamento gli elaborati delle proposte progettuali.

CALENDARIO DEL CONCORSO

Le principali scadenze della procedura del Concorso sono le seguenti:
  • 21.10.2019 ore 17:00:00
    Termine per la ricezione delle richieste di chiarimento;
  • 28.10.2019 ore 17:00:00
    Termine per la pubblicazione delle risposte alle richieste di chiarimento pervenute entro il 21.10.2019 ore 17:00:00;
  • 19.11.2019 ore 15:00:00
    Termine ultimo per la ricezione delle proposte progettuali;

PREMI E RIMBORSO SPESE

Il vincitore del concorso riceverà un premio di € 17.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge).
Al concorrente risultato secondo classificato è riconosciuto un premio di € 4.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge).
Al concorrente risultato terzo classificato è riconosciuto un premio di 2.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge).
Ciascuno dei successivi 2 (due) concorrenti riceverà un rimborso spese di € 1.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge).

DOCUMENTI DEL CONCORSO

L'Ente banditore fornisce la seguente documentazione:
1. Bando di concorso
1. Bando di concorso (application/pdf)
2. Documento preliminare alla progettazione
DPP_Rinnovamento e valorizzazione_Giureconsulti.pdf (application/pdf) - Documento preliminare alla progettazione
2.1.Allegato A Planimetrie palazzo Giureconsulti
Allegato A - Planimetrie Palazzo Giureconsulti.pdf (application/pdf) - Allegato A Planimetrie palazzo Giureconsulti
2.2.Allegato B Piano di evacuazione
Allegato B -Piano di evacuazione Palazzo Giureconsulti.pdf (application/pdf) - Allegato B Piano di evacuazione
2.3 Allegato C Dichiarazione di tutela monumentale
Allegato C - Dichiarazione tutela monumentale.pdf (application/pdf) - Allegato C Dichiarazione di tutela monumentale
2.4 Allegato D Quadro economico
Allegato D - Quadro economico.pdf (application/pdf) - Allegato D Quadro economico
2.5 Allegato E Documentazione fotografica
Allegato E - Documentazione fotografica.rar (application/x-rar) - Allegato E Documentazione fotografica
3. Calcolo onorari progettazione definitiva ed esecutiva
Calcolo onorari progettazione definitiva e esecutiva.pdf (application/pdf) - Calcolo onorari progettazione definitiva ed esecutiva
4. Schema di contratto
Schema di contratto.pdf (application/pdf) - Schema di contratto

QUESITI E RICHIESTE DI CHIARIMENTI - UNICO GRADO

Termine per l'invio delle domande: 21.10.2019 alle ore 17:00:00
Termine per la pubblicazione delle risposte: 28.10.2019 alle ore 17:00:00

ELABORATI RICHIESTI - UNICO GRADO

La proposta progettuale richiesta per la partecipazione al concorso deve essere composta dai seguenti elaborati:

  1. Una relazione tecnica illustrativa che descriva e illustri il progetto e che contenga anche le indicazioni per la prosecuzione dell’iter progettuale. Nel dettaglio la relazione deve descrivere e affrontare tutti gli aspetti oggetto di valutazione di cui al successivo art. 15 e in particolare illustrare le proprie proposte e idee progettuali con riferimento a:

    1. Intervento di interior design nel suo complesso, con precisa descrizione delle soluzioni di arredo mobile, di illuminazione, del ridisegno delle sale, della rivisitazione dell’ingresso principale del palazzo; scelte architettoniche e tecniche per la rivisitazione e la valorizzazione degli spazi nel rispetto del contesto architettonico del palazzo (equilibrio dell’intervento di restyling di immagine rispetto all’esistente); carattere estetico delle soluzioni proposte e valorizzazione degli elementi di pregio storico-architettonico e dei dettagli decorativi; soluzioni di utilizzo di materiali e tecniche sia tradizionali che innovative;
    2. Versatilità degli spazi con lay-out caratterizzati da modularità e multifunzionalità degli ambienti per consentire, all’occorrenza, un loro utilizzo diversificato nel tempo e preferenza per arredi e attrezzature di facile smontaggio e immagazzinamento per i diversi utilizzi degli spazi;
    3. Identità grafica e visiva, anche di tipo multimediale, volte ad accompagnare il visitatore in un percorso caratterizzato da un’unitarietà dell’identità progettuale pur nelle specificità dei diversi ambienti;
    4. Illuminazione scenografica della facciata e del loggiato per la realizzazione di un progetto illuminotecnico in grado di valorizzare l’edificio, la sua bellezza e i singoli dettagli decorativi; tipologia, delle tecniche e dei materiali proposti anche con riferimento alla qualità estetica e al risparmio energetico;
    5. Scelta di materiali e rivestimenti volti al conseguimento della massima sostenibilità ambientale, riduzione degli scarti e riuso delle risorse iniziali, con particolare attenzione ai criteri minimi ambientali (CAM); eventuali certificazioni dei materiali proposte;
    6. Sostenibilità economica della propria proposta in riferimento a quanto indicato nel D.P.P.; coerenza tra i costi ipotizzati, le soluzioni progettuali e la qualità architettonica proposti rispetto agli obiettivi e le linee di indirizzo di cui al presente bando;
    7. Indirizzi per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo;
    8. Indicazione di un cronoprogramma sommario delle fasi lavorative.

    Si precisa che tutte le proposte e le soluzioni proposte devono sempre prevedere la piena accessibilità e fruibilità della struttura e dei suoi spazi funzionali da parte soggetti terzi, anche diversamente abili, mediante il superamento delle barriere architettoniche nel rispetto dei vincoli imposti dal contesto storico e architettonico del palazzo.

    La relazione potrà includere immagini e schemi grafici e dovrà essere contenuta in un fascicolo di max n. 15 facciate in formato UNI A4 più la copertina (per un massimo di 3.500 battute per pagina, spazi inclusi).

  2. elaborati grafici: 5 (cinque) in formato UNI A3 su file PDF, orientate in senso orizzontale, che illustrino l'idea di progetto.

  3. Schema di quadro economico dell’intervento: in cui, pur all’interno del tetto massimo di spesa previsto per le opere, possano essere illustrati i diversi equilibri di dettaglio tra le singole categorie, con evidenza della metodologia utilizzata per la redazione del quadro economico proposto e dei listini ufficiali di riferimento. Si precisa che l’importo delle opere e degli altri costi inclusi nel quadro economico deve essere stimato al lordo di eventuali ribassi sui prezzi ottenibili in sede delle future procedure di gara.
I file degli elaborati dovranno essere stampabili e non dovranno eccedere ciascuno la dimensione di 10MB.

Il codice alfanumerico (codice registrazione) che il sistema assegna ad ogni partecipante al momento della registrazione NON deve essere riportato sugli elaborati, pena l'esclusione.

Elaborati difformi dalle sopra citate specifiche o che contengano elementi riconoscitivi (quali titoli, loghi, motti, ecc.) che potrebbero ricondurre alla paternità della proposta progettuale, comporteranno l'esclusione dal concorso.

I file devono essere, a pena di esclusione, anonimi sia nel contenuto sia nelle proprietà.
Per le istruzioni su come rendere anonimo un file pdf visita il sito https://helpx.adobe.com/it/acrobat/using/pdf-properties-metadata.html (link aggiornato al 18/06/2018).
E' possibile inoltre utilizzare il software consigliato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori:
- per i sistemi operativi Windows PDF-XChange Editor (https://www.tracker-software.com/),
- per i sistemi operativi MacOs PDF Metadata Editor (http://broken-by.me/pdf-metadata-editor/).

CRITERI DI VALUTAZIONE - UNICO GRADO

Nella seduta riservata la Commissione giudicatrice definisce la metodologia dei lavori.
La scelta delle proposte progettuali verrà fatta sulla base dei seguenti criteri di valutazione:

a) Qualità architettonica della proposta progettuale: verrà valutata l’immagine complessiva che deriva dalla rivisitazione degli spazi interni; in particolare, verrà valutato positivamente il progetto che:

   -  caratterizzi e valorizzi maggiormente gli spazi nel rispetto del contesto architettonico del palazzo, realizzando la migliore integrazione tra l’intervento di restyling e l’esistente;

   -  proponga una qualità e un carattere estetico delle soluzioni proposte in grado di valorizzare gli elementi di pregio storico-architettonico e dei dettagli decorativi.

Fino a 25 punti

 

b) Versatilità degli spazi: verrà valutata positivamente la proposta progettuale con soluzioni di distribuzione e composizione funzionale degli spazi interni volte ad una maggior flessibilità degli stessi cioè a soluzioni di interior design con lay-out caratterizzati da buona modularità e multifunzionalità degli ambienti per consentire, all’occorrenza, un loro utilizzo diversificato nel tempo; verranno meglio valutate le proposte di arredi e attrezzature caratterizzati da facilità di smontaggio e immagazzinamento per i diversi utilizzi degli spazi.

Fino a 20 punti

c) Identità grafica e visiva dello spazio: verrà valutata positivamente l’innovatività, la chiarezza e l’unitarietà della proposta di identità grafica e visiva, premiando l’utilizzo di tecniche innovative, anche di tipo multimediale, volte ad accompagnare il visitatore - utente- cliente in un percorso caratterizzato da un’unitarietà dell’identità progettuale pur nelle specificità dei diversi ambienti.

Fino a 20 punti

 

d) Illuminazione scenografica: verrà valutata positivamente la proposta di un progetto illuminotecnico della facciata esterna del palazzo e del loggiato che meglio valorizzi l’edificio, la sua bellezza e i singoli dettagli decorativi; verrà valutata, inoltre, la qualità estetica dei materiali proposti e l’attenzione al risparmio energetico.

Fino a 20 punti

 

e) Sostenibilità ambientale: verrà valutato positivamente l’utilizzo di prodotti, materiali e rivestimenti che rispettino i criteri di massima sostenibilità ambientale (ad esempio riduzione degli scarti e riuso delle risorse iniziali); verrà prestata particolare attenzione al rispetto dei CAM e alle certificazioni ambientali dei materiali proposti. Verranno valutate positivamente, inoltre, soluzioni progettuali che consentano semplicità di manutenzione e gestione. 

Fino a 10 punti

 

f) Sostenibilità economica: verrà valutata positivamente la coerenza tra il quadro economico presentato e le soluzioni progettuali e la qualità architettonica proposti, nonché il rispetto degli obiettivi e delle linee di indirizzo del presente bando e del D.P.P.

Fino a 5 punti

 

È prevista una soglia minima di sbarramento, al di sotto della quale i progetti non saranno inseriti in graduatoria (e non potranno quindi risultare assegnatari dei premi), pari a 40 punti su 100 punti attribuibili dalla Commissione.